Close

Anzola, un “Terremoto Jazz Festival” per ricordare il sisma

Bologna – Torna il jazz ad Anzola. Quest’anno la città ha dovuto fare i conti con gli effetti del terremoto del 2012, che continua a farsi sentire nonostante sia passato più di un anno. Molti edifici sono ancora danneggiati e l’edizione di quest’anno si chiamerà proprio “Terremoto Jazz Festival”, e sarà dedicata a Hengel Gualdi, clarinettista italiano scomparso nel 2005, concentrandosi sui giovani talenti italiani ed emiliani.

 

Gabriele Molinari, direttore artistico della manifestazione, spiega che il nome è stato scelto per questi motivi, per ricordare che le conseguenze del terribile evento non sono ancora finite. Prenderà dunque il via dopodomani, in piazza Grimandi, “una delle più apprezzate e qualificate rassegne del territorio – spiega Giacomo Venturi, vice presidente della Provincia di Bologna, che insieme alla Regione, al Comune e alla pro loco di Anzola e all’Unasp (Unione nazionale arte e spettacolo) è tra i promotori dell’iniziativa – che riesce ad avere rilievo sia dal punto di vista artistico che per l’affluenza di pubblico”. Cinque appuntamenti a ingresso gratuito, fino al 23 settembre, per riaffermare le emozioni della musica dal vivo, in un posto dove il sisma non ha danneggiato solo la città ma anche i musicisti stessi, come Alessandro Magri. Pianista che negli anni ha affiancato artisti come Luciano Pavarotti, Biagio Antonacci e gli Stadio, ha dovuto far posto agli uffici comunali di Cento, che, danneggiati dal sisma, sono stati collocati nei locali del suo studio di registrazione.

Mercoledì aprirà le danze alle 21.30 il celebre trombettista  Fabrizio Bosso, accompagnato dall’Andrea Ferrario Quartet, sul palco allestito in piazza Grimandi, seguito il 2 settembre da Magri, che si esibirà al pianoforte con il suo ensemble. Il 9 settembre invece direttamente dagli Usa arriverà Dana de Rose, affermata cantante e pianista jazz che all’interno della biblioteca De Amicis terrà un workshop su “il pianoforte e la voce nel jazz”, a cui sono stati invitati anche gli studenti del neonato liceo musicale di Bologna intitolato a Lucio Dalla.

I concerti riprendono il 16 settembre con il Jazz Quartet capitanato da Sandro Comini, trombonista e direttore d’orchestra in trasmissioni televisive. Intervallati dall’apposizione delle “stelle” sulla “strada del jazz bolognese” in via Orefici a Bologna, dove il 20 e il 21 saranno posizionate le targhe in onore di Ella Fitzgerald e Hengel Gualdi, gli eventi si concluderanno il 23 settembre con l’esibizione dei vincitori del concorso Mister Jazz 2013″, dedicato ai giovani talenti, che quest’anno è stato vinto da Alessandro Menichelli, Paolo Dalla Mora e Luca Cigolani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *