Close

Approvate le azioni per formazione e lavoro nelle aree colpite dal sisma

Bologna – Sono 209 le azioni di formazione e lavoro approvate dalla Giunta regionale per le persone e le imprese dei Comuni colpiti. Da queste derivano 519 percorsi formativi che sono un’opportunità per circa 13mila persone. Per realizzare queste azioni sono già state impegnati oltre 19 degli oltre 40 milioni di euro del contributo di solidarietà delle Regioni italiane e costituito da risorse del Fondo sociale europeo.
Tra le iniziative sono previsti percorsi di vario genere per lavoratori, disoccupati, persone in mobilità oltre a nuove opportunità per le scuole. A settembre è prevista una campagna informativa per fare conoscere tutte le possibilità.

 

Sono 209 le azioni di formazione e lavoro approvate dalla Giunta regionale per le persone e le imprese dei Comuni colpiti dal terremoto dello scorso anno e da cui scaturiranno 519 percorsi formativi per oltre 13 mila potenziali destinatari. Con questa approvazione si sono già impegnate risorse per oltre 19 milioni di euro del contributo di solidarietà di 40 milioni e 714 mila euro proveniente dalle Regioni italiane e costituito da risorse del Fondo sociale europeo.

La Commissione europea ha infatti approvato a maggio 2013 la proposta di riprogrammazione del Programma operativo regionale Fondo sociale europeo a favore delle aree colpite dal sisma, e la Regione ha già programmato tutte le risorse disponibili. L’assessore regionale alla scuola, formazione e lavoro Patrizio Bianchi ha illustrato le azioni già approvate.

Le azioni approvate
Le 209 azioni rappresentano un’opportunità per quasi 13mila persone: 5.404 sono i lavoratori (dipendenti, autonomi e imprenditori) che potranno accedere a percorsi di formazione continua per migliorare il profilo competitivo delle imprese in cui lavorano, 196 i disoccupati o le persone in mobilità i destinatari di percorsi mirati sviluppati in accordo con imprese intenzionate a nuove assunzioni, 2.398 sono le persone che potranno usufruire di azioni di formazione, orientamento e servizi di accompagnamento al lavoro in risposta ai fabbisogni di nuove competenze espresse dai sistemi produttivi e dalle filiere strategiche dell’economia del territorio ma anche individuate da istituzioni, parti sociali e associazioni per ripensare i territori e le comunità.

Ulteriori azioni rappresentano un’opportunità per le scuole e per i quasi 4.500 studenti del territorio per arricchire l’offerta educativa e perseguire il successo formativo anche nella collaborazione e con il coinvolgimento dell’intero sistema scolastico e formativo regionale. Un’anticipazione e una sperimentazione che guarda alla futura programmazione regionale nel quadro delle raccomandazioni europee è costituita dai percorsi di mobilità internazionale che coinvolgeranno 1.000 giovani studenti e persone in cerca di occupazione.

L’offerta si compone da percorsi di formazione iniziale, formazione post diploma, percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore, formazione post laurea, formazione permanente e continua, percorsi per studenti e percorsi di mobilità che incrociano trasversalmente tutti i settori e i comparti dell’economia del territorio, dall’agro alimentare al commercio, dalle costruzioni alle industrie manifatturiere, dalla meccanica alle industrie culturali e creative.

Altre azioni riguardano in particolare: il finanziamento di Piani di intervento a sostegno della ripresa e del riposizionamento delle filiere produttive; il finanziamento di voucher formativi per permettere a giovani laureati di accedere a master universitari progettati insieme dalle Università per formare nuove competenze tecniche e gestionali per sostenere l’innovazione e l’internazionalizzazione del sistema produttivo locale; il finanziamento di percorsi individuali a supporto dell’avvio di nuove imprese;  il finanziamento di percorsi di formazione rivolto ai 500 giovani impegnati nei progetti di Servizio civile per rendere spendibile tale esperienza nei contesti produttivi; il finanziamento dei percorsi di istruzione e formazione professionale.

Ancora aperto il bando per gli incentivi per le nuove assunzioni. Per accompagnare la ripresa nei comuni più colpiti dal sisma, la Regione mette a disposizione delle imprese anche una misura di agevolazione finanziaria.
Alle imprese e agli altri soggetti dei comuni terremotati delle province di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia che, nel corso del 2013, hanno assunto e assumeranno a tempo indeterminato persone disoccupate o inoccupate la regione offre incentivi di 7.000 euro, se il neo-assunto è un uomo, e di 8.000 euro, se ad essere assunta è una donna. Gli incentivi sono assegnati tramite il bando approvato il 6 maggio 2013 con la delibera di Giunta Regionale n. 545.
Questa misura riprende l’intervento attivato nel 2012 nell’ambito del “Piano per l’accesso dei giovani al lavoro, la continuità dei rapporti di lavoro, il sostegno e la promozione del fare impresa”, con l’obiettivo di promuovere l’ingresso e la permanenza dei giovani della regione nel mercato del lavoro.  A settembre sarà avviata una campagna informativa per fare conoscere tutte le opportunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *