Close

Parma, alluvione 15 e 16 giugno. Errani invia al Governo la ricognizione dei danni

Bologna – Il Presidente Errani ha inviato oggi al Dipartimento nazionale di Protezione Civile il rapporto dettagliato sull’evento alluvionale che il 15 e 16 giugno ha interessato la Provincia di Parma e per il quale era già stata tempestivamente richiesta al Governo la dichiarazione dello stato di emergenza. Il rapporto, come consuetudine consolidata, è successivo alla richiesta dello stato di emergenza per la necessaria ricognizione dei danni sul territorio e per i relativi approfondimenti con le strutture tecniche competenti.

Il Presidente Errani nel rapporto ha segnalato al Governo la necessità di disporre di risorse statali straordinarie per circa 19 milioni di euro, indispensabili per la copertura degli interventi urgenti, in gran parte già effettuati, dei danni subiti dai privati e dalle attività produttive, e soprattutto degli interventi di messa in sicurezza e di riduzione del rischio per la popolazione in caso di eventi analoghi, peraltro possibili nelle stagioni estiva e autunnale.
Predisposto dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, con il contributo della Provincia di Parma, del Consorzio di Bonifica Parmense e dei Comuni interessati dall’evento, il rapporto ha verificato i danni alle infrastrutture pubbliche, alle reti idrauliche e viarie e ha valutato il rischio residuo per la popolazione residente nei territori colpiti. Consistenti i danni subiti dal settore produttivo agricolo, stimati ad oggi in circa 5 milioni di euro. Il sistema regionale di Protezione Civile ha risposto nell’immediato per la propria competenza e ha garantito gli interventi indifferibili e urgenti, la prima assistenza e la salvaguardia dei beni, con un impegno complessivo del Consorzio di Bonifica, della Provincia e degli Enti locali di circa 800 mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *