Close

Difesa del suolo, 183 milioni per il nuovo piano triennale

Bologna – Garantire una manutenzione diffusa del territorio, azione prioritaria per la riduzione del rischio idrogeologico; dare risposta alle problematiche della montagna in termini di dissesto attraverso azioni di mitigazione del rischio delle principali aree in frana e di un’adeguata manutenzione dei versanti; risolvere i principali nodi critici idraulici di pianura che interessano molti dei capoluoghi dell’Emilia-Romagna; attuare ulteriori interventi di messa in sicurezza del litorale e di manutenzione straordinaria di opere di difesa della costa.
Sono i criteri fondanti del Piano regionale triennale (2011-2013) per la prevenzione del rischio idrogeologico, che rappresenta il primo passo del Piano decennale di interventi per la sicurezza del territorio, obiettivo del programma di governo del presidente Vasco Errani.

Per l’attuazione del Piano, la Regione può contare oggi su risorse certe e pluriennali, da gestire in un’ottica di forte integrazione con quelle connesse a eventi emergenziali di protezione civile. Gli interventi facenti parte del Piano hanno quindi la prerogativa di essere rapidamente cantierabili, in risposta alle emergenze del territorio.
Le risorse del Piano triennale prevedono circa 183 milioni di euro, 154 dei quali derivanti dall’Accordo di programma con il Ministero dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare (90 da fondi statali e quasi 65 milioni provenienti da risorse della Regione Emilia-Romagna). A tali finanziamenti vanno aggiunti quelli derivanti dalle ultime ordinanze di protezione civile che ammontano a circa 28 milioni di euro.
Le opere previste in tale Accordo consistono in significativi e strutturali interventi, come casse di espansione e sistemazioni arginali. Altri interventi importanti riguardano le grosse frane appenniniche e un ripascimento con sabbia di molti tratti di costa in erosione.
Una quota significativa pari al 18% del totale dell’Accordo, su richiesta della Regione, sarà destinata alla manutenzione del reticolo idrografico e dei versanti e potrà rispondere a fenomeni quali quelli recentemente avvenuti nell’area emiliana. Le risorse erogate tramite le ordinanze di protezione civile hanno come riferimento in particolare gli eccezionali eventi meteorologici e alle intense mareggiate che hanno colpito il territorio regionale nell’inverno 2009-2010 e primavera 2010.
Il Piano è stato presentato questa mattina nella sede della Regione, a Bologna, nel corso di un incontro cui hanno partecipato il presidente della Regione, Vasco Errani, l’assessore regionale alla Sicurezza territoriale, Difesa del suolo e della costa, Protezione civile Paola Gazzolo, il Commissario straordinario delegato all’attuazione dell’Accordo di programma tra Ministero dell’Ambiente, della Tutela del territorio e del mare e la Regione Emilia-Romagna, Vincenzo Grimaldi, il presidente Anci Emilia-Romagna Daniele Manca e il presidente regionale Upi, Vincenzo Bernazzoli.
“E’ un Piano realmente operativo nel territorio”, ha rimarcato l’assessore Gazzolo ricordando l’entità delle risorse e degli interventi già programmati.”con il pieno coinvolgimento di Comuni, Province, di tutti gli uffici territoriali che operano sulla manutenzione del territorio”.
“La scelta strategica è prevenire – ha aggiunto il presidente Errani -, non inseguire l’emergenza ma avviare una programmazione che ci consente di fare un grande salto in avanti nella messa in sicurezza del territorio dal punto di vista idrogeologico, uno dei problemi fondamentali dell’Emilia-Romagna e del Paese”.
“Inoltre – ha continuato il presidente della Regione – questa programmazione consente di creare lavoro: molte imprese, la stragrande maggioranza di questo territorio, saranno impegnate per alcuni anni nella realizzazione di queste opere. Se riuscissimo a portare questo ragionamento sul piano nazionale, raggiungeremmo un duplice importante obiettivo: mettere in sicurezza il territorio e allo stesso tempo dare un contributo alla crescita dell’economia”.

L’Accordo di programma tra Ministero e Regione, siglato alla fine dello scorso anno, è finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico, dunque volti alla salvaguardia della vita umana attraverso la riduzione del rischio idraulico, di frana e di difesa della costa, sia mediante la realizzazione di nuove opere che con la manutenzione ordinaria e straordinaria.

Tra gli interventi strutturali inseriti nel Piano triennale previsti ricordiamo la cassa di espansione sul torrente Baganza (circa 10 milioni di euro dall’Accordo con il Mattm e 2 milioni da ordinanze di protezione civile) che aumenterà ulteriormente il livello di sicurezza della città di Parma e del nodo idraulico di Colorno; gli interventi relativi al sistema Panaro-Secchia per la difesa idraulica del territorio modenese ammontanti a 4 milioni di euro per la cassa sul fiume Secchia e circa 2 milioni per quella sul fiume Panaro. E ancora interventi di messa in sicurezza della città di Modena attraverso il completamento del diversivo Martiniana; interventi nella bassa pianura bolognese a partire dal proseguimento della cassa di espansione in località Bagnetto (Sala Bolognese, Castello d’Argile) per ulteriori 7 milioni di euro (5 da Accordo e 2 da Protezione civile); potenziamento della capacità di smaltimento delle acque del sistema dei canali Vena e Tagliata a Cesenatico per circa 2,25 milioni di nuove risorse. Per la costa sono previsti 5,6 milioni di euro per interventi di ripascimento a difesa dei tratti costieri in erosione; è previsto l’utilizzo di sabbia dallo scanno di Goro e la realizzazione di un sabbiodotto nel litorale riccionese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *