Close

Regione, a Piacenza quasi mezzo milione di euro contro il dissesto. L’assessore Gazzolo: “Fondi a cui si aggiungerà uno stanziamento straordinario regionale di 5 milioni”

Mezzo milione di euro per affrontare le conseguenze del maltempo delle scorse settimane. A tanto ammonta la spesa autorizzata dalla Regione Emilia-Romagna per rispondere alle richieste lanciate dai sindaci del territorio piacentino.

Tra i principali stanziamenti rientrano i 65 mila euro al comune di Bettola per varie opere di somma urgenza; 60 mila saranno attribuiti ad Ottone e 40 mila a Travo. Con un investimento di 40 mila euro a Cortebrugnatella sarà ripristinata la viabilità tra Ozzola e Metteglia; con 33 mila euro a Farini si interverrà sul collegamento tra Campagna e Pianadelle e con 64 mila euro a Ferriere sulla strada che unisce le frazioni di Brigneto, Salsominore e Barche. E ancora: Cerignale potrà contare su 30 mila euro di risorse regionali per la riapertura al transito della strada di Lisore;la stessa somma è stata assegnata a Zerba per la via interna all’abitato di Pej e a Coli per la strada Pescina-Rovere-Barche. Anche la strada per Sarmata, nella località Saviano del comune di Ponte dell’Olio, troverà sistemazione con uno stanziamento di 40 mila euro e 25 mila euro sono stati destinati alla prosecuzione delle attività di messa in sicurezza della frana di Ceci, in comune di Bobbio.

 

Risorse a cui presto se ne aggiungeranno altre per l’intero territorio emiliano-romagnolo. “La prossima settimana – annuncia l’assessore regionale Paola Gazzolo, candidata del Pd alle elezioni del 23 novembre – l’Assemblea Legislativa è chiamata a deliberare un nuovo finanziamento straordinario di 5 milioni di euro destinati appunto alla sicurezza del territorio: un’ulteriore prova dell’impegno messo in campo per rispondere non solo alle criticità poste dall’emergenza, ma per intervenire anche a livello della prevenzione”.

Nel corso di questo mandato – prosegue – la provincia di Piacenza ha beneficiato di oltre 25 milioni di euro in questo settore: Vernasca, con 24 interventi finanziati per 2,3 milioni, è il primo comune che ha goduto di queste risorse; seguono Pianello con 1,8 milioni per 13 interventi; Travo con 1,22 milioni per 34 interventi; Gropparello e Bobbio con poco più di 1 milione ciascuno”.

Dei fondi citati, fanno parte i 10 milioni per la nostra provincia stanziati dal Piano triennale contro il rischio idrogeologico varato nel 2011. “Si tratta di uno strumento innovativo di programmazione – conclude Gazzolo – che si è attuato dando particolare attenzione al rispetto dei tempi di realizzazione delle opere, perché nel campo della difesa del suolo la rapidità di effettuare gli interventi fa la differenza in termini di sicurezza delle persone”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *