Close

Solidarietà, superati i 14 milioni. Domenica il Dalai Lama in visita a Mirandola

Bologna – Hanno già superato i 14 milioni di euro le donazioni in favore delle popolazioni colpite dal sisma con più di 1,4 milioni arrivati sul conto corrente aperto dalla Regione e 12,8 milioni di sms solidali al 45500. Intanto continuano e si moltiplicano le iniziative di solidarietà messe in atto da associazioni, enti, gruppi e singoli cittadini. Il Dalai Lama in visita domenica mattina a Mirandola è stato accolto dal presidente Vasco Errani e dal sindaco Manlio Benatti.

Continuano e si moltiplicano le iniziative di solidarietà in favore delle popolazioni colpite dal sisma messe in atto da associazioni, enti, gruppi e singoli cittadini. Aiuti in denaro, generi di prima necessità, servizi gratuiti, moduli abitativi, consulenze  professionali offerte gratuitamente, sono solo alcune delle tante forme che ha assunta la solidarietà post terremoto.

Tra le iniziative, anche il calcio si muove concretamente verso l’Emilia: dopo i gesti individuali di solidarietà da parte di alcuni giocatori della nazionale e della serie A, i premi degli azzurri in caso di qualificazione alla fase finale degli Europei sarebbero destinati ad aggiungersi al monte economico in favore dei terremotati in Emilia.

Il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, ha annunciato che i giocatori della nazionale e  il commissario tecnico, Cesare Prandelli, gli hanno affidato il compito di fissare l’entità dei premi in caso di qualificazione e molti giocatori avrebbero già espresso la volontà di destinarli alle popolazioni colpite dal sisma. Una cifra che ancora non è nota ma è comunque consistente, considerato che quanto ricevuto dagli azzurri in occasione dei Mondiali vinti nel 2006 è quantificabile oggi in circa 5 milioni di euro.

Ci sono poi gli oltre 1,8 milioni di euro donati dalla Ferrari alle famiglie delle vittime, ricavati dall’asta benefica che l’azienda di Maranello ha promosso tra i propri clienti e appassionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *